Jazz Club Lennie Tristano Aversa

"Ci sono tre posti dove suonare jazz in Europa: Leeds, Heidelberg e Aversa" Betty Carter 

Da quaranta anni il Grande Jazz ad Aversa

Dona il 5 per mille al jazz ! 
Dai una mano alla diffusione del jazz
ODV Jazz Club Lennie Tristano
C.F.  90012420619

PROSSIMI EVENTI

 

NEW GENERATION (EVOLVING PROJECT)

martedì 25 giugno 2024 / h. 21,00

 

 

PINTURAS DUO: ROBERTO OTTAVIANO & NANDO DI MODUGNO

giovedì 27 giugno 2024 / h. 21,00

 

 

Area eventi ZODIACO Sporting Hub, Via dei Cappuccini, 74 Aversa

in occasione degli eventi è possibile prenotare un tavolo per poteri rilassare ascoltando musica, 

mangiando e bevendo un drink.

 

per info concerti: 338 980 5939 - 339 346 7387

www.jazzclublennietristano.com

 

per info e prenotazioni ZODIACO: 350 088 4999

 

 

NEW GENERATION (Evolving Project)

 

è una produzione originale del JCLT, una band formata da giovani musicisti campani ma tutti già di grande esperienza che ci trasporteranno in un piccolo viaggio attraverso i vari stili e le varie epoche della musica jazz proponendo una loro interpretazione di alcuni standards abbastanza conosciuti. Certo sicuramente non un viaggio esaustivo, forse più che viaggio una piccola passeggiata da fare insieme al pubblico:

 

Arturo Caccavale - tromba

Mattia di Nunzio - sax alto

Luciano Foria - sax tenore

Syria Scarano - voce

Marco Fiorenzano - piano

Aldo Capasso - contrabbasso

Domenico Iavazzo - batteria.

 

CONTRIBUTO SOCI 10,00 euro

 

 

PINTURAS DUO: ROBERTO OTTAVIANO & NANDO DI MODUGNO

 

Roberto Ottaviano inizia a suonare percussioni e flauto da autodidatta, ma a cinque anni comincia a prendere lezioni di clarinetto al Conservatorio di Bari. Sotto l'influenza della musica di Lester Young e John Coltrane, sceglie sassofono. Grazie ad un fortuito incontro con Steve Lacy, inizia a concentrare la sua attenzione sul sax soprano.

 

Lo accompagna in questa nostra serata il chitarrista NANDO Di MODUGNO che fa parte del nuovo progetto PINTURAS DUO.

La loro grammatica Jazz diventa un mezzo per trasportarci in racconti e luoghi immaginari. Vasti sono i territori su cui si muovono i due musicisti, una spiaggia su cui si potranno raccogliere frammenti di brani celebri di musica classica, di standards jazz, di musica etnica, della canzone italiana, il tutto in un continuo gioco di mescolanze, di sfumature musicali, insomma di divertimento tra due grandi musicisti e in cui il pubblico è complice partecipe del gioco.

 

Dopo aver studiato a Perugia sassofono classico con Federico Mondelci, partendo dalla tradizionale scuola francese, studia armonia e composizione classica con Walter Boncompagni, Giacomo Manzoni e Luigi Nono. 

Durante la sua carriera Ottaviano ha collaborato con musicisti jazz come Dizzy Gillespie, Art Farmer, Mal Waldron, Albert Mangelsdorff, Chet Baker, Enrico Rava, Barre Phillips, Keith Tippett, Steve Swallow, Irene Schweizer, Kenny Wheeler, Henry Texier, Paul Bley, Aldo Romano, Myra Sant'Agnello, Tony Oxley, Misha Mengelberg, Han Bennink, Mario Schiano, Trilok Gurtu, la formazione coreana "Samulnori" e il "Singing Drums" di Pierre Favre.

Come insegnante ha tenuto corsi a Woodstock N.Y. e nei conservatori di Città del Messico, Vienna e Groningen, nelle istituzioni culturali di Urbino, Cagliari, Firenze, Roma e Siracusa. Roberto Ottaviano è anche l'autore del libro "Il Sax: Lo strumento, la storia, le tecniche", Inoltre, egli insegna musica jazz presso il Conservatorio N. Piccinni di Bari.

“Con grande tenacia e lungimiranza prosegue nella sua fervida attività di ricerca”. Sono queste le parole scelte dalla giuria di Top Jazz 2022, il referendum annuale indetto dalla rivista Musica Jazz, per conferire il riconoscimento di musicista italiano dell’anno al sassofonista e compositore barese Roberto Ottaviano.

 

 

Contributo soci 15,00 euro

 

#jazzclublennietristano #radioaltrisuoni #RobertoOttaviano #NandoDiModugno #marcofiorenzano #domenicoiavazzo #lucianoforia #arturocaccavale #mattiadinunzio #aldocapasso #syriascarano

 

 


 

FEDERICA MICHISANTI FRENCH QUARTET 

11 giugno 2024

 

Inizia il concerto, si parte subito con una libera introduzione di Louis Sclavis al clarone che dialoga con le percussioni di Michele Rabbia, alla fine del dialogo Sclavis esegue in solitario al clarone il tema di TWO,  il  primo brano del disco Afternoons pubblicato nel 2023,  il tema sarà ripetuto con la sovrapposizione del violoncello di Vincent Courtois, ed è subito grande musica. Il concerto proseguirà proponendo tutti i brani del disco, forse con maggiori spazi improvvisativi dei singoli musicisti. É jazz non è jazz, certo le composizioni della Michisanti hanno senz'altro un impianto cameristico che occhieggia a certa musica d'avanguardia, ma le grandi qualità musicali dei musicisti che l'accompagnano, la loro passione, l'impeto travolgente dei loro interventi donano grande spessore ai brani eseguiti. Sarebbe ancora grande musica senza la solennità e l'epicità dei legni di Louis Sclavis, la poesia delle corde di Vincent Courtois e i mille colori delle percussioni di   Michele Rabbia? 

Grazie per la gentile concessione delle foto a Pietro Previti, Amelia Di Monaco, Grazia della Volpe e per il video a Paolo Russo.

 

 

 

 

JOE FARNSWORTH - TIME TO SWING TRIO

martedì 14 maggio 2024
 

Per questa serata abbiamo preferito inserire solo il commento al concerto di una nostra spettatrice e la recensione della testata online OLTRECULTURA:

È arrivato in giacca e cravatta ed è stato un modo inequivocabile per dichiararsi e rappresentarsi.

Aveva una chiarezza che definirei "matematica", perché nel suo modo di abitare il tempo della battuta c'è una precisione composta, oltre che leggera, senza eccessi e senza ostentazioni.

Joe FANSWORTH non travalica mai la musica ma resta dentro gli spazi che la musica gli assegna: li popola di sé, senza forzare i confini, senza romperla e sincoparla: e aderisce al tempo ( che è quello musicale ma è quello del suo modo di essere, presuppongo) dando prova di presenza, di rigore, di senso del "tutti", di cortesia, di fedeltà. Niente barocchismi, niente protagonismi. Ascoltarlo, col suo sorriso permanente e le sue spalle ferme, per me è stata un'infusione di fiducia, oltre che godimento ed entusiasmo.

E questo fa bene alla salute.

Grazie, eroi del jazz club Lennie Tristano. (Nicla De Angelis)

 

Due bacchette, qualche tamburo e un vestito azzurro cielo. Abbastanza perché il talento di Joe Farnsworth prenda posto
in palcoscenico regalando al pubblico una serata che resterà negli annali del Jazz Club Lennie Tristano.
Nel concerto del 14 Maggio all’ Auditorium Bianca D’Aponte di Aversa uno straordinario artista suona la batteria accompagnandola con la sua irresistibile verve, dando vita ad un momento di autentico ristoro per gli animi degli ascoltatori.
Molti i batteristi passati dal Club negli oltre 40 anni di attività, da Elvin Jones a Billy Higgins, da Daniel Humair a Peter
Erskine. E, ancora, Jimmy Cobb, Bobby Previte, Dennis Chambers, Louis Hayes, John Betsch, Manu Roche, Joey Baron, Paul Motian, Ali Jackson (impossibile citarli tutti!), ognuno con un suo peculiare modo di suonare: alcuni accompagnatori raffinati, altri solidi supporter, altri ancora delicati creatori di atmosfere.
Ultimo solo in ordine cronologico, Joe Farnsworth rivela sin dal primo brano il suo ineguagliabile talento linguistico: ritmi
sostenutissimi, velocità che sfuggono ai metronomi, pulizia estrema nei fraseggi, accuratissimi, grandissima attenzione
alla qualità dei suoni, finissima scioltezza e coordinazione.
Ma, soprattutto, il drumming al centro dell’esecuzione: pur nel ben percepibile interplay con il pianista Bruno Montrone e il
bassista Giulio Scianatico, la batteria trova il suo momento in ogni brano, coinvolgendo il pubblico e rendendolo spettatore attivo in quello che si presenta come un delizioso Time to Swing, nelle dichiarate intenzioni un momento di leggerezza, ma nella resa in palcoscenico un autentico esercizio di inedita, effervescente musicalità condita con virtuosismo istrionico.
Più che un concerto, uno show divertente e accattivante, che rivela il meglio della creatività, non solo di Farnsworth, anche nelle esecuzioni più scontate, in quegli standards talmente eseguiti da correre il rischio di risultare perfino noiosi per il pubblico del jazz.
Nessun peso negli assoli giocati sui rimpalli dei piatti, nei ritmi incredibilmente tagliati con le spazzole, nei cambi di bacchette in velocità, nei rullanti suonati di sopra e di sotto, nei clapping proposti continuamente al pubblico.
Degne di nota anche le prove di Montrone e Scianatico, musicisti con ottima carica espressiva.
E nel finale, spazio aperto per gli allievi della Masterclass che ha preceduto il concerto, anche loro in palcoscenico per
aggiungere ancora un po’ di colore alla serata.
(Angela Caputo)

 INTERNATIONAL JAZZ DAY 2024
 

Grande successo di pubblico ha riscosso la celebrazione al conservatorio di San Pietro a Majella di Napoli con concerti degli allievi e degli insegnanti del Dipartimento di Musica Jazz e dove come JCLT abbiamo portato la testimonianza dei nostri 40+2 anni di attività. Più volte il nostro club è stato citato dai docenti e dal Direttore per segnalare il ruolo svolto dal Lennie Tristano nella storia del jazz in Campania. La lunga giornata è iniziata alle ore 12,00 nel chiostro del conservatorio dove si sono esibiti in forma corale gli allievi di Carlo Lomanto e Maria Pia De Vito, per continuare alle 16,00 nella sala Scarlatti con i concerti degli allievi e dei docenti dedicati in modo particolare alle musiche di Ellington con intermezzi di racconti su Duke a cura di Francesco Varriale. Ricordiamo tra i docenti:  Maria Pia de Vito, Carlo Lomanto, Matteo Franza, Marco Sannini, Giulio Martino, Nicola Ferro, Pietro Condorelli, Stefano Scatozza, Michele di Martino, Dino Massa, Corrado Cirillo, Salvatore Tranchini. La serata è proseguita successivamente al Ba_Bar House al piano superiore, dove era stata allestita una nostra mostra fotografica, con i racconti di Flamon commentati dalla chitarra di Oscar Montalbano, ed a seguire  jam session finale al piano inferiore aperta da Antonio Perna al piano, Marco De Tilla al contrabbasso e Domenico Iavazzo alla batteria, a cui hanno partecipato moltissimi giovani musicisti allievi dei vari conservatori operanti in Campania.

Riccardo Fassi 5tet - Herbie Nichols project

Riccardo Fassi - piano, Filippo Bianchini - sax, Torquato Sdrucia - sax, Steve Cantarano - bass, Pietro Iodice - drums

al Lennie Tristano il 6 aprile 2024

BUONA LA PRIMA ! LA STAGIONE 2024 PARTE CON  IL SOLD OUT 
8 MARZO RICK MARGITZA plus ELIO COPPOLA TRIO

Dopo la pausa dei mesi di gennaio e febbraio, durante i quali i soci sono stati impegnati nel rinnovo delle cariche sociali per il triennio 2024/2027 e che ha visto la riconferma del Presidente in Salvatore Romaniello, affiancato nel Direttivo dai past-president Nicola Della Volpe e Fabrizio Perla, gli “storici” Gino Petraroli e Luigi Basile, Daniela Borrini, figlia del compianto Franco, fondatore del Club e la new entry Francesco Varriale, è ripresa  nel migliore dei modi l’attività del Jazz Club Lennie Tristano, con un grandissimo concerto del sassofonista RICK MARGITZA plus ELIO COPPOLA TRIO.

 

Quella del'8 marzo è stata infatti una grandissima serata di musica all'Auditorium  "Bianca d'Aponte" partita con un incredibile "SOLD OUT" e che ha visto protagonisti:

 

Rick Margitza - sax;

Elio Coppola - drums;

Andrea Rea - piano;

Antonio Napolitano - bass.

 

Grande musicista ma anche un raffinato compositore e da sempre considerato come “l’ultimo grande sassofonista di Miles Davis”, Rick Margitza è uno dei musicisti più rispettati e prolifici sulla scena internazionale.

 

Tra composizioni originali di Margitza, alcuni standards e qualche composizione del "meno noto" Elio Coppola, come lui stesso si è ironicamente definito, il gruppo ha entusiasmato il numeroso pubblico presente in sala, gremita, per tutta la serata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SERATA GOSPEL CON IL CORO "THE VOICES"

Oltre che una bellissima serata di musica, quella del 29 dicembre scorso, concerto del coro gospel "THE VOICES" diretti dalla fantastica Nicole Riggi, è stata anche una sentita partecipazione alla raccolta di beneficenza. Le donazioni sono state versate alla Fondazione Giovanni Cieleghin che verranno devolute alla ricerca contro i tumori cerebrali. 

Ringraziamo tutti coloro che dando prova di grande sensibilità hanno contribuito al raggiungimento dell’obiettivo. Un doveroso ringraziamento va a Don Mariano e all’Ordine Conventuale dei Frati Minori per aver reso disponibile la bellissima chiesa di Sant’Antonio al Seggio, al Commissario Prefettizio al Comune di Aversa per aver concesso il patrocinio alla nostra manifestazione, alle aziende che ci hanno sostenuto nell’iniziativa: la BCC Terra di Lavoro S. Vincenzo De Paoli Gruppo ICCREA, CONAD CITY Teverola, ÒLIVE, ZODIACO Sporting Hub, Casa CIMMINO, MARINO Pasticceria, Minicaseificio COSTANZO, Tipografia BIANCO. Ringraziamo, infine, Marcello Panza per il progetto grafico della manifestazione e Grazia della Volpe per la visita guidata.
 
Arrivederci ai prossimi eventi del JCLT e al prossimo Memorial Maria Liotto.

 

Bellissima serata di musica il 29 sera al concerto dei "THE VOICES" diretti dalla fantastica Nicole Riggi. Grande partecipazione e altissimo coinvolgimento emotivo del folto pubblico presente grazie alla bella musica proposta dai bravi THE VOICES e al ricordo di Maria, moglie del nostro presidente, recentemente scomparsa. Gran successo anche della visita guidata che ha anticipato il concerto e che la bravissma Grazia Della Volpe ha condotto quale novella Diogene con lanterna nel buio che impersava nelle strade che circondano la chiesa di Sant'Antonio al Seggio. Le somme raccolte in beneficenza nella serata saranno devolute alla Fondazione Giovanni Cieleghin contro i tumori cerebrali. Grazie a tutto il pubblico presente.

 

 

SERATA SPECIAL GOSPEL "CONCERTO PER MARIA" 29 dicembre

Michael Rosen ed Enrico Zanisi 

Michael Rosen (sax) Enrico Zanisi (Piano) al Lennie Tristano il 13 maggio 2023 

Concerti del Jazz Club Lennie Tristano   

Oltre quattrocento i concerti dal 1982 al Jazz Club Lennie Tristano

An amazing enterprise 

Il docufilm sulla storia del Jazz Club Lennie Tristano 

Convegno I 40 anni del Jazz Club Lennie Tristano

Aversa Hotel del Sole 12 novembre 2022

Leggende del Jazz  Club

Le grandi star del jazz mondiale passate ad Aversa al Jazz Club Lennie Tristano 

Memorabilia 

Documenti, locandine e quant'altro ha fatto la storia del Jazz Club Lennie Tristano 

Libri e...altro al Jazz Club Lennie Tristano

In questa sezione Libri, opere diverse  ... e tanto  altro sul Jazz Club Lennie Tristano

Rassegna Stampa 
sul Jazz Club Lennie Tristano

Tutto quanto hanno scritto, negli anni, su di noi

Italia Jazz Club
Radio altri suoni 

WebRadioNetwork

Galleria

Qualche scatto dal Jazz Club Lennie Tristano

Contatta il Jazz Club Lennie Tristano

Telefono: 3288479115

E-mail: info@jazzclublennietristano.com

Questo campo è obbligatorio

Acconsento che questi dati vengano memorizzati ed elaborati al fine di stabilire un contatto. Sono consapevole che posso revocare il mio consenso in qualsiasi momento.*

Questo campo è obbligatorio

* Indica i campi obbligatori
Si è verificato un errore nell'invio del messaggio. Si prega di riprovare.
Grazie! Vi risponderemo il prima possibile.

Abbiamo bisogno del vostro consenso per caricare le traduzioni

Per tradurre i contenuti del sito web utilizziamo un servizio di terze parti che potrebbe raccogliere dati sulla vostra attività. Si prega di rivedere i dettagli nell'informativa sulla privacy e accettare il servizio per vedere le traduzioni.